Ricordarsi le cose… quando serve!

Ti è mai capitato di dirti: “la prossima volta che faccio questo, devo ricordarmi di….”?

Alcuni esempi: la prossima volta che vado al mare, devo ricordarmi di portare gli occhialini per nuotare oppure la prossima volta che festeggerò il compleanno di mio figlio, devo ricordarmi di controllare di avere una videocassetta vuota per la telecamera oppure la prossima volta che produrremo questo articolo devo ricordarmi di modificare un parametro della macchina….

E se la prossima volta che farai questa cosa sarà fra 6 mesi o un anno, sei sicuro di ricordarti? 🙂

Un semplice ma efficace strumento utile in queste occasioni è la checklist: una lista di tutto quello che devi ricordarti di fare, portare, comprare (…e così via) in una determinata occasione.  Quando arriva quell’occasione o poco prima, puoi prendere in mano la checklist e usarla per essere sicuro di non dimenticare tutto quello che hai deciso di ricordarti quando l’hai scritta. E se poi ti accorgi che ci sono altre cose di cui vuoi ricordarti, puoi aggiungerle e così te ne potrai ricordare l’occasione successiva.

Queste sono alcune delle checklist che io normalmente uso (a casa o al lavoro) e che rinnovo periodicamente:

  • compleanni/feste in famiglia
  • pianificazione vacanze
  • preparazione per vacanze
  • preparazione feste di natale
  • ripresa dell’attività di produzione dopo una fermata
  • produzione di un nuovo prodotto
  • chiusura della settimana lavorativa

Un ultimo suggerimento: non basta avere una checklist per ricordarsi delle cose… ma bisogna anche guardarla! Mi è capitato, infatti, di dimenticarmi di avere a suo tempo creato una checklist per una certa occasione e di avere così perso l’occasione per sfruttare quello che già avevo imparato e scritto. Per questo motivo, adesso mi riguardo quali checklist ho scritto una volta al mese, per non dimenticarmi di averle quando servono!

Usi delle checklist a casa o nel tuo lavoro? Vuoi condividerle nei commenti?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in casa, lavoro, produttività. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Ricordarsi le cose… quando serve!

  1. Pingback: Credenze e gestione del tempo, un binomio da considerare. « Formazione PNL

  2. Ottima l’idea di trattare questo argomento! Mi hai stimolato la consapevolizzazione di essere un po’ più organizzato di quello che credevo…

    Anni fa, da single, mi facevo la check-list prima di partire in viaggio, poi sposandomi la check-list vivente è diventata mia moglie…! 🙂

    Però per alcune attività di lavoro (per fortuna poche, prediligo gli aspetti creativi…!) che richiedono precisione, step successivi, verifiche puntuali, ho una check-list precisa nella quale ogni volta spunto la fase a cui sono arrivato. E, proprio come dici tu, l’idea mi è venuta dopo essermi reso conto che quel tipo di lavoro che ogni anno ha una durata di solo qualche mese, quando lo ricominciavo l’anno successivo mi trovavo in difficoltà: dimenticavo delle fasi e ci voleva un bel po’ prima di ri-carburare, di riavviare la macchina mentale perché tutto girasse al meglio.

    Adesso grazie alla check-list ho reso molto più efficace l’attività, ottengo migliori risultati, sono più preciso e la vivo con maggiore leggerezza!

  3. wale ha detto:

    2 risorse interessanti sono:

    1) http://www.evernote.com/
    è un ottimo programma per salvare online/offline tutti i documenti, file, web pages, foto, messaggi che si desidera.
    Ottima risorsa per gestire il tempo e raggiungere i propri obiettivi

    2) http://www.hassleme.co.uk/
    ti consente di farti inviare ogni tot. giorni una mail con un messaggio specifico (ad es. fare sport, fare una chiamata, svolgere una pratica, etc.)… io mi faccio mandare 2 messaggi ogni 7 giorni –> “Rilassati!” e ” Sbrigati che è già tardi, anche se è presto” 😀

  4. Leonardo Leiva ha detto:

    Uso abitualmente le check-list e le trovo utilissime. Sono utili per verificare velocemente cosa si è fatto e cosa manca da fare e soprattutto sono utili per dedicare le nostre risorse mentali a qualcosa di più utile che tenere sotto controllo attività spesso ripetitive e banali. L’ultima che ho utilizzato è stata la mia check-list riguardante i viaggi: 3 giorni a Vienna in tranquillità. Valigia chiusa in un attimo senza dimenticare documenti, biglietti ma anche cose meno scontate come controllare il volo oppure le previsioni del tempo.

  5. Stefano ha detto:

    Queste checklist vanno bene per cose che fai una volta all’anno, se il compito è quotidiano diventa tedioso, tipo quello che devo avere in tasca quando esco di casa. Per questo io uso la tecnica del contare: mi ricordo il numero delle cose che devo portare con me e quando esco le conto. Se manca qualcosa me ne accorgo subito.

    • Andrea Aresca ha detto:

      Sono d’accordo con te, Stefano, che le checklist non sono adatte per qualcosa che dobbiamo fare tutti i giorni.
      Ce ne sono alcune che utilizzo ogni settimana, ma dopo un po’ non le guardo quasi più avendole imparate a memoria.
      Molto utili, invece, trovo quelle per attività almeno mensili.
      Interessante la tecnica del contare! Grazie per averla condivisa!

  6. Pingback: Ti sei mai dimenticato le chiavi di casa? | Mindcheats

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...