Dove sto andando?

Oggi la maggior parte di noi ha un navigatore satellitare che ci porta (quasi sempre…) “a destinazione”. Ma quando questi apparecchi non esistevano ancora, cosa si faceva? Si doveva usare una cartina? E se la cartina non c’era o non era sufficientemente dettagliata? Non rimaneva altro che chiedere indicazioni.

Anche in questo modo, però, l’arrivo a destinazione non era garantito:

  • “Mi dispiace, non sono di qui”
  • “Mhh… non ricordo”
  • “Ah sì, prenda la prima a destra, poi al 3° semaforo a sinistra, avanti 300 metri, poi la 2° rotonda e la 1° sulla destra” (al 1° semaforo ci eravamo già dimenticati cosa dovevamo fare)
  • “Certo, vada avanti per 100 metri e prenda la prima destra, poi trova una rotonda ed esce alla 1°” (ma dov’è quella rotonda?)

Non sempre era facile trovare una persona che era già stata nel posto dove noi volevamo arrivare e che fosse in grado di spiegarci chiaramente quale strada fare per arrivarci. Eppure, era proprio di quella persona di cui avevamo bisogno!

Tutto questo può avvenire anche nella nostra vita.

Che ce ne rendiamo conto o no, tutti noi stiamo facendo un viaggio lungo una strada che ci porterà ad una determinata destinazione. Lo stiamo facendo nel nostro lavoro, nelle nostre relazioni, nelle nostre finanze e così via… Certo, nella vita non tutto dipende da noi, ma le scelte, piccole o grandi, che ogni giorno facciamo ci porteranno ad una destinazione piuttosto che in un altra. Se abbiamo degli obiettivi per la nostra vita, non sono le nostre buone intenzioni che ce li faranno raggiungere, ma lo sarà prendere la giusta strada.

Ora, se fossimo già “stati” nella destinazione che vogliamo raggiungere, non ci sarebbe nessun problema! La difficoltà nasce dal fatto che nessuno di noi ha un navigatore che ci può dire minuto per minuto dove andare… Quindi, qual è la cosa saggia da fare? Fidarci solo del nostro intuito?

Se ti è capitato di dover andare in un posto sperduto nelle campagne, senza cartina e senza nessuno a cui chiedere, sarai d’accordo con me che l’intuito non basta. La cosa più saggia da fare è chiedere indicazioni a chi è già arrivato a quella destinazione.

Vuoi diventare un professionista esperto nel tuo settore? Chiedi a chi ha fatto quella stessa attività con successo per tanti anni di darti qualche consiglio. Vuoi avere una relazione bella e serena con i tuoi figli anche quando saranno grandi? Chiedi a un genitore di cui ora vedi un ottimo rapporto con i figli di condividere con te le sue esperienze.

Nessuno potrà dirci esattamente quello che dobbiamo fare, perchè le circostanze in cui ognuno di noi vive sono diverse, ma sarà sicuramente più facile “non sbagliare strada” e non ritrovarci, forse, nella destinazione opposta a quella che volevamo raggiungere.

photo: http://www.guidaconsumatore.com

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in decisioni, famiglia, lavoro. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...